La Telemedicina, uno strumento a supporto del territorio

Newsroom

Monitoraggio cardiaco in Telemedicina

Spostare il baricentro da un’organizzazione ospedale-centrica a una territoriale che privilegi il monitoraggio da remoto e il teleconsulto è una necessità sempre più impellente per il SSN al fine di contenere i costi della spesa sanitaria e gestire i numeri preoccupanti della cronicità. L’attuale epidemia da Covid-19 ha messo d’altronde in luce molte lacune di un sistema sanitario fortemente ospedale-centrico. La Telemedicina si è dimostrata uno strumento efficace per favorire il cambio di paradigma per una medicina sempre più decentralizzata. Il Centro Cardiologico Monzino, tra le eccellenze mondiali in cardiologia, è stato uno dei pionieri di questo servizio e può vantare l’attuazione di diversi protocolli di tele-assistenza cardiologica.


«La Telemedicina consente il monitoraggio in remoto del paziente con patologia cardiaca. Sono migliaia le persone portatrici di questa malattia che è soprattutto una patologia di tipo aritmico: fibrillazioni atriali, aritmie ventricolari,» esordisce il professor Gianluca Polvani, direttore del Dipartimento di Chirurgia Cardiovascolare del Centro Cardiologico Monzino di Milano. «Il soggetto portatore difficilmente ha un esatto riscontro della propria patologia se non a seguito della comparsa del sintomo. Sintomo che però ha una durata limitata e tale da non consentire al paziente di recarsi al Pronto Soccorso per una valutazione clinica. Il monitoraggio in telemedicina del soggetto paucisintomatico consente di individuare con precisione la patologia, mentre in chi è già stata diagnosticata di monitorarla e valutare la correttezza della terapia farmacologica».

Telemedicina in tempo di Covid

Con l’epidemia da Coronavirus e l’annullamento con il primo picco pandemico di molte prestazioni del SSN tra cui le valutazioni cardiologiche, la Telemedicina ha mostrato ancor più la sua valenza. Durante la pandemia, il Centro milanese oltre a continuare l’erogazione del servizio di Telemedicina e a metterlo a disposizione anche per la gestione sul territorio dei malati Covid, ha avviato un nuovo servizio di televisita grazie a una piattaforma di telemonitoring e assistenza sanitaria domiciliare dedicata favorendo la continuità assistenziale, l’intensificazione del follow-up e il coinvolgimento attivo del paziente e dei suoi familiari.


Attraverso valutazioni specialistiche condotte anche a domicilio e contatti telefonici programmati e ripetuti, le condizioni cliniche dei pazienti vengono monitorate al fine di cogliere precocemente e alterazioni del loro stato da salute e di intervenire tempestivamente con le modifiche terapeutiche del caso: elettrocardiogramma, misurazione della pressione arteriosa, saturimetria, glicemia ed indici di coagulazione sono alcune delle informazioni che possono essere facilmente condivise con un’équipe di medici specialisti.

L’esperienza di Eumaco Srl

telemonitoraggio

Così come il Centro Cardiologico Monzino di Milano, anche Eumaco punta sull’efficacia della telemedicina su tutto il territorio italiano. Fulcro del progetto è Oyster ECG & More, la piattaforma web-based che riceve, gestisce e salva i tracciati ricevuti dai dispositivi integrati. Inizialmente l’attenzione era rivolta principalmente al paziente cardiopatico: con event recorder e loop recorder esterni di ultima generazione vengono monitorati gli eventi cardiaci sintomatici ed asintomatici, ed ogni singolo tracciato analizzato ed archiviato sull’applicazione web-based Oyster.

L’obiettivo di Eumaco è quello di migliorare l’assistenza ai pazienti a domicilio, ponendo al centro della propria attività le esigenze della persona e il suo stato di salute, e di essere sempre pronta alle richieste del sistema sanitario nazionale. Per questo il progetto si è ampliato e in Oyster sono stati integrati numerosi dispositivi per poter soddisfare le particolari esigenze di un maggior numero di pazienti. Con il nuovo sistema di monitoraggio multiparametrico STEPP infatti, Oyster ECG & More riceve e gestisce diverse informazioni sullo stato di salute del paziente, come saturazione, temperatura, peso, pressione, glicemia e coagulazione.

Fonte: R. Tognella, 2020, Telemedicina a supporto del territorio, Tecnica Ospedaliera – dicembre 2020

Articolo precedente
In Veneto il futuro della medicina è già realtà
Articolo successivo
La Telemedicina e la protezione dei dati sensibili

No results found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserisci un indirizzo email valido.
You need to agree with the terms to proceed

Menu